“E t’amo” di Rossella Nassisi

Mio caro, mio dolce

amico di un sogno,

vagito

d’una notte senza luna,

mio piccolo,

tenero amore,

che tra gli sterpi

sei nato,

qual vento

soffiò sul tuo cielo,

ammassando le nubi?

Qual strega

rubò via il tuo cuore?

Tu fossi un bambino!

Ascoltando le favole,

potresti imparare

ad amare.

Ed io, stringendoti,

ti potrei cullare.

Tu fossi un ruscello!

A piene mani

di te potrei bere.

Tu fossi il vento!

Tra i miei capelli ti sentirei giocare.

Tu fossi un canto!

Sempre nel cuore

io ti terrei.

Ma è dolce sapere

che tu sei un bambino

che crede alle favole,

sei l’acqua pulita,

il vento giocoso,

il canto

che ho sempre nel cuore.

E t’amo

così come sei.
Rossella Nassisi

Finalista Sezione A
VI classificato

img-20160910-wa0030

Versi pervasi da intensa musicalità distribuiti in strofe assestate sulla stessa misura ritmica. Felici personificazioni che rendono immagini di alto lirismo.[ M.R.Teni]

Rossella Nassisi, nata a Matino (Le), scrive poesie dall’età di tredici anni ed è stata la sua prima partecipazione a un concorso di poesie.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...