Archivio mensile:novembre 2022

Ultime ore della settima edizione del Premio Vitulivaria


Ancora una manciata di ore e anche questa edizione del Premio chiuderà   le sue porte per aprire una nuova fase che vedrà coinvolta la commissione giudicatrice, i cui componenti saranno presentati a breve su queste pagine. I risultati della valutazione delle opere saranno resi noti nel mese di marzo, così da consentire ai tanti autori di organizzarsi per essere presenti alla cerimonia di premiazione prevista per il 2 giugno 2023. Il comitato organizzatore, cui va il mio personale ringraziamento per la precisa e puntuale ottemperanza di tutti gli adempimenti di ricezione e smistamento, mi ha comunicato che la partecipazione alla settima edizione è stata assai lusinghiera con un numero elevato di opere provenienti da tutta Italia. Tutto ciò mi rende particolarmente emozionata e gratificata, perché ormai mi accorgo di essere sempre più coinvolta, quasi per un empatico riflesso di immedesimazione, nell’ansia e nella trepida esaltazione dell’avventura poetica della partecipazione di poeti e scrittori che apprezzano il nostro Premio e lo onorano. Mi rendo conto di quanto sia importante mettersi in gioco, rivelare i propri moti dell’animo (come soleva dire il nostro amato Leopardi), affidare il proprio mondo interiore agli altri, alla schiera di spettatori che, in vari ruoli, saranno coinvolti nel cammino intrapreso dalla propria poesia all’interno di un concorso. Tuttavia, a distanza di  undici anni dalla nascita del Premio, resto ancora affascinata dalla risposta generosa di tanti poeti e narratori che hanno inviato e continuano ad inviare i loro componimenti, fiduciosi del clima di assoluta serietà e ineccepibile rigore che caratterizza il nostro concorso ed ancor più sono entusiasmata per la presenza dei giovani che hanno inviato i loro testi, innestandosi in un processo di disvelamento di emozioni, sensazioni e paure, che a fatica riescono a manifestare, o anche a lasciar intravedere, nella vita quotidiana, vuoi per timidezza, per un pudore tacitamente consolidato o per insicurezze di fondo. La poesia è coinvolgente e le parole, quando sgorgano dalle intime corde dell’animo, dischiudono un mondo interiore ricco di meraviglie, di forza vitale e di passioni. Per questo, a mio parere, val la pena di impegnarsi per proporre occasioni affinché tutti possano scrivere e condividere con gli altri ciò che rende vivi e umani, rivelando le emozioni della vita. La scrittura ha un potere catartico e dà l’opportunità di mostrare agli altri quello che prima rimaneva sommerso nell’anima, regalando oltretutto anche il diritto di sognare. Ben comprendo allora la sete di poesia dei tanti autori, la forza di scendere in campo, correndo dietro ad una penna che scorre su una pagina bianca che si popola di sogni e si colora di vita! Grazie di cuore a tutti i partecipanti…

Maria Rosaria Teni

Premio letterario(1)

In dirittura finale…


Ancora una manciata di giorni e anche questa edizione del premio si chiuderà per lasciare spazio al lavoro della giuria, che comincerà subito a esaminare le tante opere pervenute. Ancora una volta un GRAZIE immenso a tutti i partecipanti, grandi testimoni della cultura che non cede di un passo!
Un GRAZIE sincero per la considerazione e l’attenzione riservata al Premio Vitulivaria va al Maestro Salvatore Dell’Atti, Compositore, Direttore d’Orchestra, Flautista e Musicologo nonché Direttore artistico dell’Audioteca Poggiana dell’Accademia Valdarnese del Poggio (Montevarchi-Arezzo) che, con la nota competenza  e professionalità, ha dato vita a un articolo, apparso sulle pagine di Paise Miu – Notizie e Cultura Salentina del 22 novembre, diretto dal dottor Antonio Soleti,  che ha onorato un premio nato nel nostro territorio e  dedicato a mio padre, elaborato attraverso una ricostruzione della funzione poetica che conduce a una riflessione sulla funzione della poesia, capace di percepire l’interiorità dell’uomo, di oggi e di tutti i tempi.
Le parole del Maestro Dell’Atti fanno  riflettere nel momento in cui analizza il percorso poetico e lo fa investendo anche altri campi della cultura: “Pur accogliendo il rapporto significativo tra poesia e filosofia ritorno sulla poesia anche come rapporto intimo e d’amore di ciò che ognuno può donare. Il rapporto, in una mente dotata di eccesso di pensiero come quella di R. Wagner, tra la poesia concepita come uomo e la musica come donna può generare un’altra vita: la musica viene fecondata dal poeta per necessità.” . Nella sua disamina è significativa la sua stima nei confronti del Premio Vitulivaria, con il suo invito a proseguire sulla strada della poesia e della scrittura, concludendo che tali iniziative  “vanno non solo incoraggiate e sostenute ma considerate una finestra che apre a sensibilità diverse e alle emozioni”.
Di seguito il link dell’articolo:
La poesia e il Premio letterario nazionale “Vitulivaria”

VITULIVARIA 6

Cercare la Bellezza…


Mancano ormai pochi giorni alla scadenza della settima edizione del nostro Premio letterario Vitulivaria e comincia a prendere forma la consistenza del numero di partecipanti, autori da tutta Italia che, anche per questa edizione, hanno dimostrato la loro attenzione e stima inviando le proprie opere. Aver scelto il tema della bellezza, secondo me, ha contribuito a generare una sorta di ottimistica visione della vita e di tutto ciò che ci circonda, allontanando per un momento ricordi dolorosi e fantasmi funesti. A questo proposito vorrei riportare un breve scritto dal titolo Cercatori di Bellezza di Gennaro Gino Piccolo, un autore ottantenne che così parla della Bellezza: “Ti domanderai: perché ho deciso di parlare più spesso di Bellezza? Tenterò di darti una risposta, ma prima non voglio sfuggire ad una intuizione che si traduce in domanda: cos’è che dà pienezza alla vita se non il fascino della Bellezza che afferra in profondità una persona e la rende capace di gioia? La Bellezza seduce, incanta, attira, è la molla di ogni scelta. Allora parlarne diventa il tentativo di interpretare la nostra storia personale e forse anche la crisi del nostro tempo con la chiave della Bellezza. Fare appello alla Bellezza può sicuramente aiutare nella ricerca della verità della giustizia e dell’amore. Parliamo di Bellezza che eleva, che risana, che ne suscita altra, sorpresa gradita, innamoramento, entusiasmo, incanto per poi spenderla per gli altri. E ancora di Bellezza che racconta di dono, di bontà, di armonia, di amore, che intreccia tutte le cose e dà senso alla vita: la bellezza degli uomini e delle cose. Mi dirai: da dove cominciare a cercarla? Io direi da te, da dentro te, da sopra di te, sotto di te, intorno a te…nel tuo condominio, nel tuo quartiere, nelle strade, nella storia, nella realtà della tua Città: sì perché la Bellezza se la cerchi la trovi.” La poesia, in questo caso, ha la capacità di poter trovare la bellezza e la forza di poterla esprimere nei versi di chi sente il bisogno di far conoscere più a fondo e in modo più completo il proprio universo interiore, rivelando chiaramente la bontà della scrittura e la sua funzione catartica.   Complesso appare, in virtù di quanto detto, il cammino di valutazione che si svolge, come consuetudine, in modo scrupoloso e rigorosamente nel totale anonimato delle opere che si presentano ai componenti della Giuria che, per questa edizione si sono rinnovati e che presenteremo alla scadenza del concorso.  Dopo l’attento e ineccepibile lavoro svolto nelle precedenti edizioni dai giurati uscenti, cui va il nostro profondo ringraziamento, eccellenti nell’aver  garantito il loro impegno e la loro dedizione a favore del Premio Letterario, questa edizione si avvale di nuovi membri che entreranno a far parte della giuria, figure di pregio appartenenti al mondo culturale e accademico, che dovranno leggere e valutare i lavori collegialmente, secondo una scala di valutazione espressa in decimi, compilando l’apposita scheda valutativa ricevuta unitamente ai testi in formato cartaceo e in completo anonimato. Ciascuna opera potrà avere quindi una valutazione da 0 a 10 e dovrà tenere conto dei vari indicatori elaborati in sede organizzativa. La giuria stilerà, quindi, la graduatoria di merito, selezionando i lavori migliori in numero di tre, per ciascuna sezione e con il verbale finale provvederà all’individuazione dei nomi dei vincitori, che riceveranno un premio in denaro, e dei finalisti, ai quali sarà attribuita una menzione d’onore e una segnalazione di merito. I vincitori e tutti i finalisti e segnalati saranno avvertiti tempestivamente al fine di confermare la partecipazione alla serata di premiazione e, comunque, saranno invitati a tutti i poeti e gli scrittori che hanno onorato il concorso con l’invio delle loro opere, cui sarà assegnato un attestato di partecipazione.

La Segreteria del premio darà comunicazione dei risultati e delle opere finaliste, tramite e mail. I premiati riceveranno premi in denaro, targhe, oggetti di artigianato locale e diplomi, in base alla specifica posizione di merito.

Ora ci attendono questi passi operativi:
Il lavoro di selezione avrà inizio alla scadenza dei termini di partecipazione e continuerà fino alla fine di aprile quando sarà pubblicata sui siti:
www.premioletterariovitulivaria.wordpress.com

www.associazionevivamente.blogspot.com

www.culturaoltre14.wordpress.com
la rosa dei nominativi dei vincitori, finalisti e selezionati per le varie sezioni del concorso.

Per realizzare tutto questo è necessario un grande lavoro di squadra e sin da ora comincerò a ringraziare tutti i preziosi collaboratori che si adoperano per la riuscita di un concorso che continua a credere ancora nella forza della poesia e della scrittura.

315232007_793396851746989_1367307611582674005_n

Il Concorso è ancora aperto… fino al 30 novembre 2022!


Sul Nuovo Quotidiano di Puglia – Lecce, due articoli sul Premio Premio Letterario Vitulivaria – memorial Gerardo Teni💥💥💥
Il nostro ringraziamento alla redazione e a tutti coloro che stanno supportando il Premio Letterario Vitulivaria – memorial Gerardo Teni, con dedizione e generosità.
Vi aspettiamo, ricordando la data di scadenza:
👇👇👇👇👇👇👇
30 NOVEMBRE 2022
📧concorsopoesianovoli@virgilio.itNuovo Documento di Microsoft Publisherfoto 1