“Il ritmo di un nuovo viaggio” di Loredana Piscitelli

Parole senza destinazione

riempiono un’eco che non avrà ritorno

come il sogno dentro una valigia

in un viaggio che non ha direzione.

I pensieri si accavallano

abbracciati in un unico amplesso

con soluzioni difficili

in un conto che non darà il resto.

Lettere prive d’inchiostro

complici di un nuovo cammino

iniziato alla fine del giorno e

terminato nel preludio del mattino.

Niente è già scritto

tutto potrà cambiare

mentre una clessidra di note

ferma il tempo in un respiro che batte in levare.

Loredana Piscitelli

Finalista Sezione B
V classificato

 08f7f8e7-1284-43b2-889c-01d354358a67
 

Il ritmo del tempo come in una partitura musicale che ha tuttavia una durata. La “clessidra di note” quasi una successione di suoni o comunque respiri,  tra l’inizio e la fine di qualsiasi viaggio. In questo viaggiare tutto può essere e tutto può cambiare: il pensiero o un sogno da realizzare che spesso termina nel “preludio del mattino”o finisce in una lettera non scritta. Bella e filosofica. [ Maria Rosaria Teni]