“Il tempo non si ferma” di Maria Rosaria Vetrugno

Entro i punta di piedi,

odore di chiuso

aleggia nell’ aria

dove tutto è in penombra,

immobile là,

come è stato lasciato.

Su una sedia indumenti,

un bicchiere già usato,

una brocca con l’ acqua,

un cappello sgualcito.

Degli occhiali, un pigiama,

un biglietto, un appunto,

messo su un calendario

che nessuno ha voltato…

…Tutto è fermo ad un giorno

che il dolore ha datato.

Da una camera all’ altra

Il silenzio che parla,

osservata mi sento

da quei volti in cornice:

bei sorrisi, lontani,

non emettono suoni.

Un deserto che esprime

quella vita che è stata,

quell’ amore che è entrato

e che adesso è ormai altrove.

Ed in tutto il silenzio

assoluto, opprimente,

il richiamo del tempo

da un oggetto minuto,

ticchettìo di lancette…

l’ orologio da polso

resta lì da quel giorno

a scandire le ore,

mi riporta al presente,

mi ricorda che il tempo,

fermo qui nel mio cuore,

corre e passa lo stesso

e fermarsi non può.

Maria Rosaria Vetrugno

Segnalazione di Merito
Sezione B
il-tempo-sez-cIl tempo – opera originale di Noemi Petrachi