“Mamma” di Maria Tarantini

Mamma!

parola dolce, quale melodia

che d’ode risuonar per ogni dove

e in sé racchiude tutti i tesori

che l’uomo sitibondo

cerca e non trova altrove.

Prima parola che sorga

dal labbro dell’infante

dolce rifugio per il figlio errante.

Bisogno estremo, che sentì Dio stesso

ed una donna scelse a dire: – Madre –

e senza di Lei, nulla valea

sue opere grandi già create,

come se nulla avea fatto ancora

ed al saluto dell’Angelo con l’AVE

umile e pronta il dolce SI’ risuona

come ogni madre al figlio

tutta se stessa dona.

Dove tu manchi, oh mamma,

tutto v’è buio e gelo

e come un triste velo

oscura il viso dell’orfan desolato

e tutto è invan per lui

anche se d’altri è amato.

Pria che la terra fosse

Iddio creò questa sorgente

che non secca mai

che sempre dona e tutto in sé

perdona …
Maria Tarantini

Segnalazione di merito
Sezione A

img-20161003-wa0013